Vivere di verità per Essere Verità

Vivere di verità per Essere Verità

Non cercare le verità significa accontentarsi delle menzogne, maturare come falsificatori della vita. Perché quindi stupirsi di malattie, problemi non evolutivi, drammi, guerre, tragedie? Ci stupiremmo del fatto di non poter scrivere una lettera perché conosciamo a malapena l’alfabeto?

Voglio vivere di sole verità, voglio Essere la Verità Stessa: è un’intenzione molto importante, da ribadire spesso, anche come mantra, finché la tendenza Umanizzante non diventa automaticamente inarrestabile.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Liberarsi dal culto della punizione

Non si dovrebbe ragionare nell’ottica della punizione. Il metodo della punizione indica mancanze, che non si conoscono valide soluzione alternative. Il culto della punizione andrebbe sostituito dalla cultura Umanizzante. La vera giustizia non implica punizioni, ma soluzioni. Scopo dell’evoluzione è evolversi, non punire, punirsi.

Il mondo è strapieno di punitori e puniti. La sofferenza degenerante è di per sé una punizione, che dovrebbe premiarsi, trasformandosi in afflizione Umanizzante: riconoscendosi come potente segnale indicante la necessità di liberazione dal culto della punizione.

La sofferenza collettiva affligge l’umanità senza che nessuno la infligga veramente a qualcuno. La diffusione della sofferenza degenerante deriva dal subire l’ignoranza esistenziale e chi subisce non può essere certamente un agente attivo.

L’enorme attività dell’inconsapevolezza non deve far ritenere che si tratti di un principio veramente attivo. L’inconsapevolezza si diffonde passivamente. Uomini inconsapevoli diffondo inconsapevolezza come ripetitori, non come veri e propri autori di inconsapevolezza. Diffondere qualcosa di proprio, autentico, esige il divenire principi attivi giustamente ricettivi, il che esige la maturazione della consapevolezza. – Tratto dal mio libro sul PERDONO, scaricabile gratis versione parziale (PDF) su questa pagina https://andreapangos.wordpress.com/libri/

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Cos’è l’ignoranza Esistenziale?

L’ignoranza esistenziale ha vari gradi. Ciò che è conoscenza esistenziale per il grado inferiore, è ignoranza esistenziale per il grado di conoscenza esistenziale superiore. Per esempio riconoscersi come Io, rappresenta certamente un livello di consapevolezza maggiore rispetto al conoscersi soltanto come come corpo-emozioni-mente. L’Io non è però l’Identità Reale.

Ritenere che l’Io sia l’Identità Reale, rappresenta un aspetto dell’ignoranza esistenziale. Certo, la sola nozione che in Realtà Si È l’Origine (Identità Reale), non libera dall’ignoranza esistenziale veramente, bensì solo concettualmente, ma è certamente positivo. La libertà essenziale dall’ignoranza esistenziale è la Consapevolezza Integrale, che implica anche la piena consapevolezza di essere, in Realtà, l’Origine.

L’aver appurato la propria ignoranza esistenziale dovrebbe essere visto come necessità di consapevolizzarsi, non come ragione per colpevolizzarsi. In quanto individui non possiamo certo essere colpevoli della degenerazione dell’ambiente formativo e dell’umanità in generale. Sentirsi colpevoli della degenerazione collettiva indicherebbe, anche in questo caso, una forma di delirio di onnipotenza. Possiamo però decidere fermamente di divenire cellula sempre più sana di un corpo malato, luce sempre più illuminante in un mondo di abbagli. – – Brano tratto dal mio libro: Bene Assoluto e Illuminazione Spirituale – scaricabile GRATIS versione parziale (PDF) su questa pagina https://andreapangos.wordpress.com/libri/

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Adattarsi giustamente non significa subire

Oltre a saper sanare le situazioni difficili, è bene sviluppare la capacità di prevenirle. Soprattutto sostituendo con contenuti illuminati lo spazio interiore altrimenti occupato dall’ignoranza esistenziale, ma anche organizzando in modo illuminante la vita. L’evoluzione è essenzialmente un viaggio di adattamento della materia, forma, alle necessità dello spirito, attraverso la maturazione della coscienza.

Maturare le capacità di adattamento all’ambiente è importante, ma lo è anche maturare le capacità di adattare l’ambiente a esigenze spirituali. Adattarsi falsamente, cioè in modo non consapevolizzante, all’ambiente significa subire negativamente. La ricettività è ben altra cosa della negazione delle proprie Vere esigenze, perché ci si adatta all’ambiente a causa di paure, abbagli e altri elementi negativi. Essere ricettivi non significa subire negativamente, bensì fruire positivamente di processi interiori ed esteriori, per maturare la consapevolezza e le capacità positive. Significa quindi anche essere aperti all’Ambiente Superiore alla struttura psicofisica, non soltanto all’ambiente sperimentato, elaborato, dalla stessa.

Adattarsi spiritualmente all’ambiente implica le capacità necessarie per trasformarsi in modo da maturare la capacità di generare consapevolezza non duale, anche in situazioni esteriori avverse, perché le condizioni interiori sono molto favorevoli.

Il bene è questione più di soggettività che di oggettività. Essenzialmente, superare il male significa trasformarsi spiritualmente, trascendendo il male, oppure trasmutando beneficamente il potenziale evolutivo che esso rappresenta. – Brano tratto dal mio libro: Bene Assoluto e Illuminazione Spirituale – scaricabile GRATIS versione parziale (PDF) su questa pagina https://andreapangos.wordpress.com/libri/

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

I Tre Principi

Volere-sentire-sapere

L’individualizzazione riguarda principalmente tre principi: volere, sentire e sapere, che si basano sui Tre Principi dell’Io Monadico: Volontà – Amore – Intelligenza.

Nell’ambito dell’Io, questi Tre Principi si esprimono attraverso: Atma (Volontà), Buddhi (Amore), Manas (Intelligenza).

Nell’ambito della struttura psicofisica, i tre principi si esprimono principalmente attraverso: corpo fisico (volontà), emozioni e desideri (sentire), mente (sapere).

La mente rende possibile l’espressione individualizzata dell’Intelligenza. Rende però possibile anche l’individualizzazione accentuata del sentire e del volere. Condizionando emozioni, desideri e volere, la mente influisce molto concretamente sulla specificità delle esperienze di ognuno e l’esperienzialità integrata, sintetizzata, è un elemento fondamentale dell’individualizzazione. Consideriamo che anche i concetti sono esperienze da vivere consapevolmente, maturando la capacità di testimoniare i flussi concettuali da una prospettiva sempre più ampia, Elevata, fino a raggiungere la Consapevolezza Integrale.Brano tratto dal mio libro: Bene Assoluto e Illuminazione Spirituale – scaricabile GRATIS versione parziale (PDF) su questa pagina https://andreapangos.wordpress.com/libri/

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Qual è lo Scopo della vita?

La carenza di consapevolezza ha come conseguenza, anche, la mancanza di concetti Umanizzanti, con il conseguente prevalere di concetti non Umanizzanti su idee Umanizzanti.

Un aspetto fondamentale dell’ignoranza esistenziale è il non dare la necessaria, enorme, importanza all’indicazione che Umanizzarsi è lo Scopo Primario della vita, concetto che molti nemmeno conoscono, nemmeno in forma di: maturare la consapevolezza è il vero scopo della vita; esistiamo per Illuminarci; Conoscere se stessi e Se Stessi è l’unica cosa che veramente conta.

È indubbio che basandosi sull’idea che l’Umanizzazione è lo Scopo della vita, gran parte delle credenze fuorvianti non verrebbero prese nemmeno in considerazione, se non per essere scartate dopo essere state vagliate. Discernere le idee Umanizzanti dalle idee non Umanizzanti è fondamentale. Aumentando le capacità di Discernimento la classificazione diventa sempre più qualitativa e spontanea, anche perché matura il gusto del bene.

Inizialmente, si può fare una lista di proprie credenze su se stessi e sulla vita in generale, e classificarle in base alla risposta alla domanda: Dove mi sta portando questa credenza? Per rispondersi è molto indicativo considerare bene dove la stessa credenza ci ha portato. Mancando la consapevolezza necessaria, alcune idee fuorvianti potrebbero però sembrare molto evolutive. Maturando spiritualmente le si potrà però scorgere per ciò che sono veramente: abbagli, anche se venivano percepite come luce illuminante. – Brano tratto dal mio libro sul PERDONO – scaricabile GRATIS versione parziale (PDF) su questa pagina https://andreapangos.wordpress.com/libri/

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Elevare il Centro d’Azione

Maturando la collaborazione tra la struttura psicofisica e l’Io, l’uomo può rendere sempre più proprio il Principio Io. Si tratta della collaborazione tra l’umano (struttura psicofisica) e il superumano (Io), anche in funzione della realizzazione del sovrumano (Io Monadico). Maturando spiritualmente, l’uomo diventa sempre più Io e sempre meno struttura psicofisica, perché la trasforma, trascende e usa in funzione, prima dell’Io e poi dell’Io Monadico e Oltre.

Ogni essere umano è composto di struttura psicofisica e Io, ma le differenze qualitative tra gli esseri umani sono enormi, soprattutto perché pochi trasformano qualitativamente la struttura psicofisica, ponendo il proprio Centro d’Azione su uno dei Tre piani dell’Io.

Ancora meno sono coloro che Agiscono in quanto Io Monadico, usando consapevolmente l’Io e la struttura psicofisica come veicoli espressivi. L’essere umano è uno dei possibili veicoli a disposizione delle Monadi per realizzarsi. Le Monadi non fanno perciò parte del regno umano, ma si realizzano anche attraverso la forma umana. Nel caso dell’essere umano, una singola Monade è vincolata sempre a un unico Io. Maturando la consapevolezza nella misura necessaria riconosciamo la Monade come Principio Superiore a noi stessi essere umano, ma ci riconosciamo anche come Monade Stessa, anche perché la nostra maturazione umana è

inscindibile dalla Monade direttamente collegata a noi stessi, come singolo essere umano. Chiaramente, questo tipo di definizioni esigono concetti come: struttura psicofisica, mente, Io e Io Monadico. La realizzazione del processo descritto non esige però tutte queste definizioni. Possono però essere molto utili, anche per ricordarci che non siamo solo corpo-emozioni-mente, e che dobbiamo tendere a realizzare il Superiore, non a incastrarci nell’inferiore, castrandoci come processo veramente evolutivo.

Veramente rari sono, infine, coloro che agiscono in quanto Consapevolezza Integrale, che è la Realizzazione della Coscienza Divina, conseguente a un percorso Illuminante umano, integrante tutte e tre le vie: Volontà – Amore – Intelligenza.

Individualizzarsi significa anche maturare la capacità di mantenere continuità di coscienza individualizzata nell’ambito dell’Io, fino a maturare la Coscienza di Sé come Io Monadico, per poi, realizzare la Consapevolezza Integrale, che sintetizzando può essere riassunta nella constatazione: In Verità Sono Tutto, in Realtà Sono l’Esistenza Originale, mentre l’intera Manifestazione sono Io in quanto Manifestazione. – Brano tratto dal mio libro: Bene Assoluto e Illuminazione Spirituale – scaricabile GRATIS versione parziale (PDF) su questa pagina https://andreapangos.wordpress.com/libri/

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento