Paura di consapevolizzarsi (2004)

9

Paura di consapevolizzarsi  (2004)

Dare la priorità al divenire veritiero può fare emergere vari timori, perché si immagina che ne risentiranno il lavoro, la vita famigliare, i rapporti, il tempo libero, la vita sociale, emotiva, sessuale e altri aspetti dell’esistenza. Queste preoccupazioni sono sostanzialmente infondate perché:

– Chi non si consapevolizza può soltanto sognare di essere realizzato e di potersi realizzare. Ogni realizzazione è praticamente nulla rispetto alla Realizzazione Illuminata. Consapevolizzandosi non si perde nulla di importante e ci si avvicina a ciò che conta veramente, Divenire del tutto. La maturazione della consapevolezza è l’unica soluzione effettiva per migliorare con sostanza la qualità della vita.

– Soltanto consapevolizzandosi possiamo ambire alla Felicità. L’individuo mediamente consapevole soffre continuamente ma, assuefatto all’afflizione, si rende conto di ciò molto parzialmente.

– Gli avvenimenti appaiono nella percezione e la loro qualità dipende soprattutto dalla qualità della percezione stessa. Maggiore è il grado di consapevolezza, migliore è la qualità con cui si possono sperimentare e interpretare gli aspetti della percezione definita vita: rapporti, salute psicofisica, vita di coppia, carriera professionale, vita affettiva…. La Consapevolezza integrale è il Regno dei Cieli in terra, mentre la consapevolezza parziale è sofferenza.

– Disagi, sofferenza, problemi…, sono primariamente conseguenze dell’insufficiente grado di consapevolezza. L’individuo mediamente consapevole è il problema fondamentale per se stesso, anche se raramente comprende di esserlo, e un concausatore di problemi altrui. Divenendo in modo veritiero, si provocano sempre meno problemi e si risolvono più facilmente quelli esistenti, anche perché si possono affrontare con meno ansia e più coraggio, risoluzione e lucidità. Aumentare la consapevolezza semplifica la vita. Più precisamente, fa intravedere meglio la semplicità già esistente e le soluzioni essenziali. Per risolvere i problemi in profondità è fondamentale comprendere che:

  • il problema basilare è il basso grado di consapevolezza;
  • la risoluzione effettiva dei problemi comincia assumendosi la responsabilità, non la colpa, del proprio stato e iniziando a divenire veramente. Questo implica anche la consapevolizzazione che il mondo che percepiamo è una nostra proiezione interiore, che in genere i responsabili sostanziali dei problemi non si trovano all’ “esterno” , ma sono i nostri processi non sufficientemente consapevolizzati. Se non si trasformano beneficamente le emozioni e le idee che stanno alla base di un problema è probabile che, anche se si “risolve”, ritornerà a manifestarsi, magari in forma diversa.

 

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...