Il perdono Umanizza, perdonare è dar spazio alla Divinità. (testo del 2008)

Il perdono è una soluzione dell’incessante tendere del Potenziale Amore a esprimersi attraverso l’Amare, trasformando prima, il voler male in voler bene, poi il voler bene in Amare.

Il perdono è una forma di autogoverno consapevole, trasformare il risentimento in perdono è un processo indispensabile per progredire spiritualmente.

Il perdono dinamizza, il rancore fossilizza: è un elemento di rigidità mentale, impedimento per l’Umanità.

Il perdono Umanizza, perdonare è dar spazio alla Divinità. Il perdono non è un atto d’Amore, ma un aspetto del tendere ad Amare, che è trascendenza del perdono: l’Amare è senza dualità rancore-perdono.

Il perdono è pacificazione, il rancore scontro: il perdono è essere per qualcosa, il risentimento è essere contro qualcosa.

Il perdono è un altare per la Felicità, il risentimento fa parte del culto della sofferenza. Il perdono fa parte del lasciar andare il peggio, aprendosi al meglio.

Il perdono libera dal giudicare, liberandoci dal ruolo di giudici: meglio essere buoni avvocati di se stessi, che giudici delle pene altrui.

Perdonare è guadagnare la perdita del rancore.

Perdonare significa lasciare la distruttività in favore della creatività.

Perdonare fa parte della strada verso l’indipendenza. Il risentimento è un forte segnale di dipendenza, ciò da cui si è veramente indipendenti non turba. Attaccamento a chi ci ha offeso: paradossale attaccamento veramente!

Perdonare significa liberarsi e liberare dal male. Perdonando ci liberiamo da malfattori interiori: conflitti, odio, giudizi negativi…, liberando gli altri dal nostro male.

Perdonare significa aprirsi prima alla piena accettazione di se stessi, opportunità per la piena constatazione dell’inevitabilità di se stessi.

Perdonare non vuole dire dimenticare, reprimere o far finta di non vedere. Perdonare significa anche trasformare il ricordo in voler bene prima, in Amare poi. Consapevolizzato, il ricordo dell’avvenimento offensivo è libero da sensazioni negative. Durante la Consapevolezza integrale il ricordo viene osservato dalla prospettiva globale, consapevole che si tratta di un suo segmento che avviene nell’Amare.

 

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...