Dare potere al male?

Non è vero, come affermano alcuni, che gli altri possono farci male soltanto se noi glielo permettiamo. Se non siamo abbastanza forti, il potere del male ci può danneggiare, eccome. Se non dotati del necessario potere positivo per proteggerci dal male, siamo in balia del suo potere, a prescindere dalle nostre intenzioni. L’idea che gli altri possono farci del male, soltanto perché noi gli diamo il potere di farlo, è un concetto assurdo. Significa che le vittime dell’olocausto, delle guerre e della stragi terroristiche, si sono immolate, rese volontariamente vittime, hanno cioè permesso, intenzionalmente, che venga fatto loro del male, perché hanno dato il potere ai loro carnefici, aguzzini, assassini. In verità, purtroppo, hanno subito il potere malefico altrui, perché impotenti dinanzi a esso. Un modo efficace per farsi del male, è proprio credere in tali idee, che sono facilmente confutabili da chi discerne nella misura necessaria. Certo, si potrebbe affermare  che se tali idee fuorvianti hanno preso piede in qualcuno, è perché è stato lui a dargli potere. Invece, le ha subite, perché mancante di discernimento, che è una capacità fondamentale. andreapangos.it

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dare potere al male?

  1. Croci Fabrice ha detto:

    L’articolo è molto interessante, anche se forse il tema andrebbe ben approfondito, riguardo il male ci sono anche risonanze che il nostro subconscio tende ad attirare e la loro origine andrebbe ricercata in esperienze d’anima molto più lontane. Riguardo a questo la legge del Karma è piuttosto chiara, ma ritengo anche che alcuni aspetti possano essere modificati fino ad un certo livello, il percorso spirituale non sempre garantisce una piena e totale immunizzazione per la vittima, ma senza dubbio può essere un buon inizio per una coscienza che si voglia liberare dal potere del male, ma per la natura di questo piano terreno la libertà è sempre secondo livelli di percezione differenti. Un buon spunto di riflessione. Ovviamente la mia è un’opinione del tutto personale.

    • Andrea Pangos ha detto:

      Salve, grazie per il commento. I post di questo blog sono, in genere brevi, segmenti dei libri che ho scritto e che sto scrivendo. Vanno quindi intesi come spunti riflessivi, non come argomentazioni esaustive sui processi trattati, cosa che cerco, invece, di realizzare attraverso i libri. Ogni Bene ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...