Tu sei per te stesso il più straniero tra gli stranieri. (2003)

Brano tratto da Eternamente Qua, romanzo realizzato tra il 1997 e il 2003. 
object007
 
– Tu sei per te stesso il più straniero tra gli stranieri. Dilata i tuoi confini, allarga i tuoi orizzonti. Identificarsi con la nazionalità, come con qualsiasi altra cosa, ostacola la maturazione spirituale – rispondono i Tre e aggiungono: – L’umanità è pervasa da tale follia da bollare come follia tutto ciò che è diverso dall’ordinaria follia quotidiana. Sopratutto il Vero.
 
– Sono morto?
 
– Macché!
 
– E allora che cos’è questa storia riguardo all’eternità?
 
– Perché non lo chiedi a Te Stesso?
 
– Sono diventato eterno? – chiede Notaio non sapendo bene a chi, se a se stesso o ai Dieci, aggiungendo invece sicuramente a se stesso: – Chi è che ha chiesto?
 
– Come Oceano della Sagezza Infinita Sei da Sempre Eterno, come Goccia del Divino puoi Diventarlo. L’Infinito è l’abito che più ti si addice, l’Eternità Individualizzata ciò che puoi raggiungere.
 
– Volete forse farmi credere che posso diventare eterno?
 
– Non vogliamo farti credere nulla. Noi ti indichiamo il Percorso, la Scoperta puoi e devi farla da solo. Nessun altro può Scoprirlo per te.

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...