Rancore e tragedie collettive

Il rancore che si è creato come conseguenza delle tragedie collettive è comprensibile, ma ciò non lo rende innocuo per la salute pubblica: salute del pubblico che in questo caso è cattivo pubblico di uno spettacolo degradante prodotto dal pubblico-spettacolo stesso. Così come non dobbiamo giustificare il male fattoci, non dobbiamo giustificare il male che ci facciamo. Constatare che il male è un aspetto inevitabile dell’inconsapevolezza, non significa giustificarlo, nel senso di dire che va bene.  Le giustificazioni non tangono l’inevitabilità, la quale è giusta soltanto nel senso che è inevitabile, che non significa propriamente giusta. Anzi, tutt’altro, se come giusto intendiamo ciò che favorisce il bene.  Brano tratto dal libro Perdonare per Vivere: Liberarsi dalla prigione del rancore 

 

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...