Il relativismo estremo rende estremamente relativo soprattutto se stesso.

Relativizzare giustamente

Il fatto che il bene relativo è male relativo, cioè che il male relativo è bene relativo, può far tendere a relativizzare in modo inadeguato. La relativizzazione deve essere sempre coerente con la realizzazione del bene. Il relativismo estremo rende estremamente relativo soprattutto se stesso. Se tutto è “del tutto” relativo, lo è anche, soprattutto, il relativismo estremo.

Per evitare la relativizzazione non idonea, per crearsi standard di discernimento qualitativi, è bene ragionare in termini di qualità del bene basandosi sullo standard Illuminazione, realizzazione del bene.

La qualità del bene di un determinato elemento è definita da quanto favorisce l’Umanizzazione. In questo senso, il male è bene soltanto nella misura in cui è stato utilizzato per generare maggior bene. Relativizzare bene significa favorire l’aumento della qualità del bene, cioè dello spazio evolutivo.

Scarica gratis la prima parte del libro

BENE ASSOLUTO E ILLUMINAZIONE SPIRITUALE

GIUSTA COPERTINA BENE ASSOLUTO

 

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...