L’aspettativa di non avere aspettative è, chiaramente, un’aspettativa

Una meta positiva, Umanizzante, non può essere considerata negativa, come non dovrebbe essere considerato positivo porsi mete negative. La capacità di porsi mete è una capacità umana, senza la quale l’uomo non sarebbe ciò che conosciamo come uomo, nel senso di essere dotato di arbitrio. Così com’è limitante porsi mete ingiuste, è limitante obbligarsi a non porsi mete giuste.

L’idea di non volere o dovere avere aspettative indica, chiaramente una meta: la meta di non avere aspettative. Spesso è posta nell’ambito dello scopo di Illuminarsi, che in quanto scopo è meta, Giusta Meta. È giusto aspettarsi di Illuminarsi, anche perché l’Illuminazione è questione di ineluttabilità. Prima o dopo, ogni essere umano è destinato a illuminarsi.

L’idea di non dover avere aspettative è un concetto autonegante: crea l’aspettativa di non dover aver aspettative. Ben diversa è l’idea di essere liberi dall’attaccamento alle aspettative, che sono implicite nel porsi una meta. Il solo decidere di realizzare la meta con qualità è un aspettativa, ed è chiaramente un’aspettativa positiva, intenzione positiva. Tendere alla qualità è ragionevole, sarebbe irragionevole non porsi tale meta, aspettare da se stessi di produrre azioni qualitative.

Scarica gratis i libri (PDF) di Andrea Pangos

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...