Quali sono le differenze tra i sensi di colpa sentiti e i sensi di colpa concettualizzati?

I sensi di colpa implicano, in genere, un buon grado di empatia, che permette di sentire di aver provocato danno a qualcuno.

Sono però possibili sensi di colpa quasi senza empatia, perché non si sente il male arrecato, ma lo si deduce in base a regole comportamentali assimilate, che si sa di aver trasgredito. Si tratta perciò di sensi di colpa, prevalentemente, concettualizzati.

Ogni senso di colpa esige, chiaramente, la concettualizzazione. Senza il concetto: mi sento in colpa, o perlomeno: ho fatto qualcosa che non avrei dovuto fare, non ci può essere il senso di colpa.

Il sentirsi in colpa perché sentiamo e sappiamo direttamente, giustamente, di aver sbagliato, senza elaborazione concettuale dettata da programmi comportamentali fornitici da altri, è chiaramente di qualità ben diversa, maggiore, rispetto alla qualità dell’appurare in modo meramente concettuale, quasi senza sentimento, di aver sbagliato.

Vai alla pagina dei libri di Andrea Pangos

lotus-flower-1805784_1280

 

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...