Dipendere positivamente significa  dipendere da un elemento che aiuta. La dipendenza da un elemento ostacolante è invece dipendenza negativa, cioè attaccamento

Forme, attaccamento e dipendenze

         Il bene è relativo anche nel senso che una forma benefica in un dato momento, diventa poi limitante per l’ulteriore progresso. Diviene pertanto malefica, perché ostacolante, per la forza che veicola, pur restando benefica per tutto ciò che le è inferiore.

         Un determinato grado di consapevolezza, rappresentante una meta elevata per qualcuno, è un limite per chi l’ha raggiunto, se non lo utilizza come base per ulteriore Elevazione. Da ciò possiamo dedurre l’importanza di liberarsi dagli attaccamenti, che sono sempre dipendenza negativa dalle forme.

         L’attaccamento non andrebbe confuso con la dipendenza positiva. A differenza degli attaccamenti, le dipendenze non sono negative a priori, anzi. La stessa evoluzione spirituale dipende dalle forme, ma si tratta di una dipendenza indispensabile, senza forma non ci sarebbe evoluzione. Tutto ciò che avviene nello spazio evolutivo ha forma, lo stesso spazio evolutivo è forma. Ogni processo è forma, le stesse Tre Entità Primarie: Volontà, Amore e Sapere, sono particolari forme, pur non facendo parte del campo evolutivo. Ogni forza è anche forma, rispetto a una forza superiore: le forze inferiori sono anche veicoli di forze superiori.

         Dipendere finché necessario da elementi che favoriscono soluzioni è sicuramente positivo: disporre di un rimedio efficace è certamente meglio che non disporne. Diverso è il discorso per l’attaccamento, che è una forma deviata di dipendenza, è dipendenza negativa. Dipendere positivamente significa  dipendere da un elemento che aiuta. La dipendenza da un elemento ostacolante è invece dipendenza negativa, cioè attaccamento. Comprendere le differenze tra attaccamento e dipendenza positiva può aiutare molto a chiarirsi le idee riguardo il rapporto maestro-allievo, anche nella forma di rapporto genitori-figli.

Il Bene Assoluto e il bene relativo possono essere considerati come Maestro e allievo. Il bene relativo è l’allievo che deve imparare a imparare sempre meglio dal Maestro Bene Assoluto.  L’allievo bene si deve ispirare al Maestro Bene Assoluto per giungere a generare Qualità Maestra in modo unico.

Vai alla pagina dei libri di Andrea Pangos

background-1762731_1920

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...