Dire basta alla schiavitù, liberarsi dalla prigione dell’inconsapevolezza!

         Schiavi di una minuscola gabbia in cui a malapena può entrare il corpo fisico, non c’è quasi la possibilità di muoversi fisicamente. Disponendo, invece, di un ampio spazio, anche se recintato, possiamo correre e allenarci, per magari scavalcare il recinto. Certo, in molti casi la situazione è propria quella della gabbia, anche se a causa dell’assuefazione alla schiavitù dell’inconsapevolezza, si può immaginare non sia così. Le limitazioni riguardano però il piano orizzontale e i livelli inferiori. La soluzione è quindi volgersi verso il Superiore, che può portare a un salvataggio paragonabile all’elisoccorso durante un’inondazione.

         Costretti alla prigionia dall’inconsapevolezza dobbiamo liberarci interiormente, volgendo l’attenzione al Superiore, per maturare la consapevolezza. Possiamo farlo, per esempio, meditando con l’affermazione:

Mi abbandono consapevolmente al Bene Assoluto.

Vai alla pagina dei libri di Andrea Pangos

mandala-1791740_1920

 

 

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...