Riflettendo sulle aspettative dovremmo comprendere che sono inevitabili, in quanto implicite nel ragionamento. Negarle significa pertanto negare l’inevitabilità, che è un comportamento assurdo

Aspettative senza dipendenza negativa

         Desiderare qualcosa significa automaticamente crearsi un’aspettativa.  Cercare soluzioni significa aspettarsi, appunto, delle soluzioni, pertanto generare aspettative. Analizzando una situazione, è implicito aspettarsi maggior comprensione.

         Riflettendo sulle aspettative dovremmo comprendere che sono inevitabili, in quanto implicite nel ragionamento. Negarle significa pertanto negare l’inevitabilità, che è un comportamento assurdo. Dovremmo perciò concludere che è giusto crearsi aspettative della massima qualità possibile, senza però attaccamento alle stesse. Significa anche non dipendere psichicamente dai frutti delle azioni, che nel senso più profondo vale a dire: generare Consapevolezza Integrale a prescindere.

         Chiaramente, ogni nostra azione produce anche la diversificazione dell’individualizzazione che siamo, pertanto dipendiamo inevitabilmente da ogni nostra azione. Il grado di attaccamento ai frutti delle azioni si può evincere anche da quanto reagiamo negativamente alle situazioni.  La negatività della reazione è determinata essenzialmente da quanto ostacola la realizzazione dello scopo, che andrebbe osservato sempre in funzione dell’Umanizzazione. È utile riflettere sul fatto che la Consapevolezza Integrale è caratterizzata dall’Azione Integrale, senza essenziale  distinzione in agente-azione, perché ci si Conosce come Tutto.   L’attaccamento alle aspettative è questione di reattività, mentre l’azione Veramente Consapevole è senza reattività: è l’Azione Consapevolezza Integrale.

         Porsi una meta significa automaticamente aspettarsi qualcosa, altrimenti non ci sarebbe nemmeno bisogno di porsi la meta. Sarebbe assurdo negarsi la possibilità di pianificare, perché succubi dell’abbaglio che non bisogna avere aspettative. Tra l’altro, il volere non aver aspettative è di per sé un’aspettativa, perché significa aspettarsi, consapevolmente o inconsapevolmente, di generare incessantemente Meditazione senza percezione e concettualizzazione, oppure sonno profondo, oppure coma profondo.

Vai alla pagina dei libri di Andrea Pangos

stained-glass-1181864_1920

 

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...