Superando un certo grado di schiavitù dalla meccanicità-inconsapevolezza, l’uomo ha l’opportunità di liberarsi dal destino scritto, meccanico, e di proporsi un destino sempre più Umanizzante.

Molto male può essere evitato

         La realizzazione finale del bene è inevitabile, sia individualmente sia collettivamente, ma molto male può essere evitato e, chiaramente, è meglio evitarlo. Superando un certo grado di schiavitù dalla meccanicità-inconsapevolezza, l’uomo ha l’opportunità di liberarsi dal destino scritto, meccanico, e di proporsi un destino sempre più Umanizzante.

         L’ineluttabilità è l’inevitabilità, ma: l’ineluttabilità subita meccanicamente è questione di incapacità, mentre l’inevitabilità creata consapevolmente è questione di capacità. Certo, anche l’inevitabilità creata consapevolmente si basa su inevitabilità passate, ma più è consapevole, più l’uomo a può scegliere di cosa alimentarsi, a quali influssi essere soggetto, per migliorare se stesso qualità esistenziale.

         Va considerato che il passaggio da inevitabilità meccanica, a inevitabilità creata consapevolmente, non è questione di linearità. La capacità di influire sugli eventi consapevolmente può aumentare esponenzialmente, ma già a livello basico si può comprendere le differenze dettate da consapevolezza oppure inconsapevolezza[1].

         Pensiamo alle differenti conseguenze derivanti dall’essere fagocitati da un’emozione negativa, oppure dall’osservarla consapevolmente fino a giungere alla quiete mentale ed emotiva. Oppure, riflettiamo sulle conseguenze prodotte da giorni di produzione di emozioni negative, paragoniamole poi a quelle prodotte da periodi in cui viene emanato Amore, anche se inteso basicamente, cioè  come Simpatia senza antipatia. L’Amore Vero e Proprio è un livello esistenziale del Bene Assoluto.

         Elevandoci, dipendiamo sempre meno da ineluttabilità inferiori e sempre più da inevitabilità Superiori, divenendo noi stessi genitori di ineluttabilità di sempre maggior qualità. Dipendere sempre più dal Bene Assoluto non è certo un male, soprattutto quando è autodipendenza, perchè Si È il Bene Assoluto Stesso.

         Maturare processi per divenire inevitabilmente ineluttabilità di sempre maggior qualità, è una  definizione appropriata dell’Umanizzazione.

[1] Chiaramente, non esiste un confine netto tra consapevolezza e inconsapevolezza, ma ci sono innumerevoli gradazioni di (in)consapevolezza.

Vai alla pagina dei libri di Andrea Pangos

colorful-1360007_1280

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...