Per poter Vedere la Vita dobbiamo uscire dal nostro film, altrimenti siamo destinati a essere un cinema multisala.

Ciò che percepiamo come esterno, fa parte della nostra percezione, che non può essere esterna a noi stessi. Il termine: evento esteriore, è un concetto per definire esperienze, chiaramente interiori, generate attraverso la partecipazione dei cinque organi di senso fisici.

         La percezione è interiore, ma risulta dall’incontro dell’interiore con l’esteriore: attraverso la percezione gli altri ci vengono così incontro, proiettandosi. In un certo modo, li incontriamo in noi stessi: accogliamoli bene, illuminando, non proiettando. La percezione è anche incontro della luce che proiettiamo, con la luce che ci viene incontro. Accogliere veramente significa illuminare, mentre proiettare è filtrare, censurare, deviare. Illuminare significa anche accogliere nitidamente immagini. Proiettare, invece, significa coprire l’altro con i nostri fotogrammi, basati su impressioni accumulate precedentemente. Le proiezioni impediscono di sperimentare e interpretare giustamente: non possiamo essere giusti verso altri senza essere noi stessi giusta misura giustamente misurante. Per poter Vedere la Vita dobbiamo uscire dal nostro film, altrimenti siamo destinati a essere un cinema multisala.

Informazioni su Andrea Pangos

andreapangos@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...